ALBERGO TERME P [IT]


Exploration #121 (testo italiano a fondo pagina). We are in Tuscany, in an area rich in thermal springs. The present buildings, now in ruins, were built at the beginning of the 20th century on a site where there were already very ancient baths, well known since the Middle Ages. Some testimonies state that they were owned by the Republic of Florence and visited by Lorenzo De Medici himself, known as “Il Magnifico”.
The thermal waters, which still flow beneath the abandoned buildings, are classified as medium-mineral, sulphurous-bicarbonate-alkaline-earthy. With a temperature of about 41 degrees Celsius, they are said to be indicated for the treatment of rheumatic and skin diseases.
The facility included several rooms for overnight accommodation, a large restaurant and several small rooms used as a spa. It had its moment of glory at the beginning of the 20th century when it was frequented by a large number of guests from all over Italy. Following disputes with the owners due to the urgency of renovation and modernisation works, it closed in 2002. Since then, without any maintenance and completely abandoned, mould and moisture, mainly caused by the still active thermal springs and severe damage to the roof, have been transforming the interior of the buildings. The walls are painted in the colours of the mould and the various layers of plaster underneath, while what remains of the furniture is slowly crumbling to the floor. It was a very interesting exploration of this spa, even if it was difficult due to the high temperatures in the thermal rooms, which made it difficult to take pictures. It is a pity that these waters, which are still available, are not exploited in a different way.

Esplorazione #121. Ci troviamo in Toscana, in una zona ricca di sorgenti termali. Gli edifici attuali, ora in rovina, sono stati costruiti all’inizio del Novecento su un sito dove già sorgevano delle terme molto antiche ben note fin dal Medioevo. Alcune testimonianze affermano che erano di proprietà della Repubblica di Firenze e che erano frequentate dallo stesso Lorenzo De Medici, detto il Magnifico.
Le acque termali, che ancora oggi sgorgano sotto gli edifici abbandonati, sono classificate medio-minerali, sulfureo-bicarbonato-alcaline-terrose. Con temperatura di circa 41 gradi centigradi sarebbero indicate per la cura delle malattie reumatiche e della pelle.
La struttura comprendeva alcune camere per la sistemazione notturna degli ospiti, un grande ristorante e alcune salette adibite a centro termale. Ebbe il suo momento di gloria a inizio del ‘900 quando era frequentato da una numerosi ospiti provenienti da tutta Italia. A seguito di controversie con la proprietà a causa dell’urgenza di lavori di ristrutturazione e ammodernamento, la struttura chiuse nel 2002. Da allora, senza nessuna manutenzione e completamente abbandonata, la muffa e l’umidità principalmente causate dalle sorgenti termali sottostanti ancora attive e da gravi danni al tetto, stanno trasformando gli interni degli edifici. Le pareti sono tinte dei colori delle muffe e dei vari strati di intonachi sottostanti, mentre quello che resta degli arredi si sta pian piano accasciando al pavimento. Quella di questo centro termale è stata un’esplorazione molto interessante anche se difficile date le elevate temperature nelle sale termali che rendevano difficoltoso la buon riuscita degli scatti fotografici. Un vero peccato che queste acque ancora disponibili non siano sfruttate in diversa maniera.